Sci-Fi Fantasy | google toolbar firefox | Sky Map Devs

[MT]Chuck Palahniuk - Ninna nanna (2002)[Ebook-Pdf-Ita-horror, sa...

  • Category Other
  • Type E-Books
  • Language Italian
  • Total size 716.3 KB
  • Uploaded By Survival
  • Downloads 3
  • Last checked 42 minutes ago
  • Date uploaded 4 hours ago
  • Seeders 0
  • Leechers 0

Infohash : 2DB2317574A36C69A1D982A4F1BAAADD2B7E9085









Titolo originale: Lullaby
Titolo italiano: Ninna nanna
Autore: Chuck Palahniuk
1ª ed. originale: 2002
Data di pubblicazione: 11/10/2005
Genere: Romanzo
Sottogenere: horror, satira
Editore: Mondadori
Collana: Piccola biblioteca oscar
Traduzione: Matteo Colombo
Pagine: 273






Charles Michael "Chuck" Palahniuk (nato il 21 febbraio 1961) è uno scrittore statunitense.
I genitori di Palahniu sono di origine russa e francese. Il suo cognome deriva dai rispettivi nomi dei nonni ucraini: Paul e Nick. Si è laureato all'università dell'Oregon e vive a Portland.
Autore di culto, ha raggiunto il successo con Fight Club (1996), il suo primo libro pubblicato, da cui è stato tratto il film diretto da David Fincher e interpretato da Brad Pitt e Edward Norton.
Il suo stile è simile a quello di scrittori come Breat Easton Ellis, Irvine Welsh e Douglas Coupland.
Chuck intraprende la scrittura all'età di 6 anni. Frequenta e abbandona la scuola di giornalismo, fa svariati lavori (camionista, meccanico...). Dice di non possedere un televisore dal 1990. Si dichiara gay ("Forse c'era una vena di pazzia nella famiglia e aspettarono che avessi vent'anni per lasciarmelo sospettare").
A quell'età suo padre gli raccontò che il nonno aveva ucciso la nonna a colpi di pistola e poi si era sparato, mentre lui, il padre, andava a nascondersi sotto il letto. Suo padre conobbe una donna attraverso annunci per incontri e uscì con lei. Al ritorno a casa, l'ex-marito di lei li uccise entrambi e poi bruciò i corpi nel garage.
Quando lavora su un racconto dice di voler essere un persona diversa, di voler essere cambiato da quello che legge. Chuck paragona la letteratura ad una viaggio che ti cambia costantemente come la vita.
Verso i trent'anni scrive il suo primo romanzo Invisibile Monsters, una storia di apparenze, di cambiamenti d'identità, nel quale l'immagine edonistica domina la realtà. Il suo stile è scentifico e crudo. Rasenta il grottesco enfatizzando le parole per far esplodere le frasi. La sua scrittura è priva di avverbi e perdite di tempo. Ci sono improvvise interruzioni. Ripetizioni a effetto. Eliminazione del superfluo. Battute drastiche, fredde. Viene respinto dalle case editrici. Nel 1996, dopo diversi rifiuti, pubblica il suo secondo romanzo, Fight Club, dal quale David Fincher trae un film che lo trasforma in un autore di culto.
Lo stile è asciutto e innovativo, con contenuti nichilisti. La libertà dalle oppressioni della società, dalla competizione, dai mass media che "ci fanno comprare cazzate che non ci servono", diventa il punto cruciale della scrittura di Palahniuk.
In Survivor questo attacco è rivolto verso le sette. Tender Branson cresce all'interno della setta dei Creedish, che sfrutta i suoi adepti facendo gioco sulle loro angosce. "La realtà è che uno vive finché non muore. E la verità è che nessuno vuole la realtà", dice Branson.
La critica alla società che crea schiavi illusi di essere liberi, trova il suo pretesto narrativo in Soffocare nella sessodipendenza. L'assunto al quale giunge il ragazzino Victor Mancini, guardando un film porno in cui un tipo si fa infilare da una scimmia delle caldarroste nel retto, è che "dopo che uno si sottopone allo sguardo di chiunque in un momento del genere, non temerà più nulla dalla vita".
Palahniuk parla della sofferenza, di come la gente preferisce rimanere in mezzo ai problemi per continuare a lamentarsi, a sentirsi misera, invece di capire che i problemi sono autoprodotti.




Romanzi

1996 - Fight club (Fight Club)
1999 - Survivor (Survivor)
1999 - Invisible monsters (Invisible Monsters)
2001 - Soffocare (Choke)
2002 - Ninna nanna (Lullaby)
2003 - Diary (Diary)
2005 - Cavie (Haunted)
2007 - Rabbia. Una biografia orale di Buster Casey (Rant: An Oral Biography of Buster Casey)
2008 - Gang Bang (Snuff)
2009 - Pigmeo (Pygmy)
2010 - Senza veli (Tell All)
2011 - Dannazione (Damned)
2012 - Invisible Monsters remix (2012) (versione di Invisible Monsters integrata)(non ancora in Italia)
2013 - Sventura (Doomed)
2014 - Beautiful You
2015 - Make Something Up

Altri

2003 - Portland Souvenir. Gente, luoghi e stranezze del Pacific Northwest (Fugitives and Refugees: A Walk in Portland, Oregon)
2004 - La scimmia pensa, la scimmia fa. Quando la realtà supera la fantasia (Stranger Than Fiction: True Stories)




Carl Streator è un uomo solitario. Ha quarant'anni, è vedovo e fa il giornalista. Mentre lavora a un reportage sulla sindrome della morte improvvisa del neonato scopre qualcosa di terribile: la presenza in tutti i luoghi dove sono morti dei bambini piccoli del libro "Poesie e filastrocche da tutto il mondo", immancabilmente aperto su una nenia africana usata per dare la "dolce morte". Il canto si rivela un'arma micidiale: basta leggerlo a voce alta o anche solo recitarlo a mente "dirigendolo" verso qualcuno e quel qualcuno finisce per tirare le cuoia. Carl diventato, più o meno involontariamente, un serial killer, si associa con un'agente immobiliare per distruggere tutte le copie esistenti del libro.

Incipit:
1

Il problema delle storie è che le racconti a giochi fatti.
Anche le telecronache di baseball alla radio, gli home-run e i fuoricampo, persino quelli sono in ritardo di qualche minuto. Persino i programmi TV in diretta arrivano un paio di secondi dopo.
Persino il suono e la luce non superano una certa velocità.
Un altro problema è chi la storia la racconta. Il chi, il cosa, il dove, il quando e il perché del giornalismo. La forma che il messaggero dà ai fatti. Quello che i giornalisti chiamano Il Guardiano. Il fatto che il modo in cui si presenta una storia è tutto.
La storia dietro la storia.
Parlo di tutto questo da un bar ogni volta diverso. Il luogo in cui scrivo questo libro, capitolo dopo capitolo, non è mai lo stesso paesino, o città, o bar per camionisti perso nel nulla.
Ciò che tutti questi luoghi hanno in comune sono i miracoli. Mi riferisco alla roba che leggi nei rotocalchi di bassa lega, tutte le guarigioni, le apparizioni e i miracoli di cui i giornali importanti non parlano mai.
Questa settimana è la volta della Santa Vergine di Welburn, New Mexico. La settimana scorsa l'hanno vista volare giù per Main Street. Con i lunghi dreadlock rossi e neri al vento, i piedi scalzi e sporchi, una gonna di cotone indiana di due tonalità di marrone diverse e un toppino di jeans legato dietro il collo. Tutti i dettagli nel "World Miracles Report" di questa settimana, accanto alla cassa di ogni supermercato d'America.
Ed eccomi qua, una settimana dopo. Sempre un passo indietro. A giochi fatti.




Leggere ciò che scrive Chuck Palahniuk non è per niente semplice, o meglio, non è per niente semplice leggere Chuck Palahniuk. Mi spiego meglio.
Lo stile è molto lineare, scorrevole e la chiarezza espositiva non lascia spazio a possibili malintesi. I suoi libri solitamente si leggono abbastanza velocemente. L’unico “ostacolo” è l’approccio di fondo: una visione molto nichilista del mondo, dissacrante e politicamente scorretta. L’autore non si fa alcuno scrupolo a sbatterci in faccia tutto il marciume, le perversioni, le bassezze dell’essere umano. Ci rivela senza tanti giri di parole verità sconcertanti con le quali siamo costretti a confrontarci, a riconoscerle come parte integrante del nostro vivere. Leggere Palahniuk è difficile perché è come leggere se stessi, guardarsi allo specchio e riconoscere la nostra parte peggiore, quella che spesso non si vede perché ci impegniamo a tenere ben nascosta. Se venissimo a conoscenza di un potente canto africano in grado di uccidere le persone, anche a distanza e senza spargimento di sangue, useremmo questo potere? La maggior parte di noi risponderebbe di no. Ma siamo sicuri sia davvero così? Un potere del genere, dal quale dipenderebbero le sorti dell’umanità intera, eserciterebbe un pericoloso fascino anche sull’uomo più insospettabile. È quello che avviene con i protagonisti di Ninna Nanna, uomini e donne alla deriva, con un passato tragico e irrisolto alle spalle. Contrariamente ad ogni ipotesi buonista e rassicurante queste persone non solo sceglieranno di usarlo ma lo faranno in modo così incontrollato, da restare vittime di una sorta di mania di onnipotenza.
Se conoscete Death Note (manga e anime giapponese) non potete non pensare al suo protagonista, Light Yagami. Egli entra in possesso di un Death Note, un quaderno tramite il quale è possibile uccidere le persone semplicemente scrivendone il nome. Inizialmente il protagonista lo usa per eliminare dalla terra i criminali più pericolosi, poi coloro che egli reputa deleteri per la società, in seguito chiunque cerchi di ostacolarlo. Ma chi decide cosa è giusto o sbagliato? Come può un semplice uomo ergersi a giudice supremo e discernere in modo assoluto il bene dal male? Il manga ci fa vedere quanto un improvviso e illimitato potere possa deviare la mente umana al punto da farle perdere di vista ogni morale, anzi a crearne una propria, completamente distorta dalla follia. Palhaniuk fa lo stesso con Ninna Nanna, ma senza mezze misure.




Files:

  • Chuck Palahniuk - Ninna Nanna (2002).pdf (716.3 KB)

There are currently no comments. Feel free to leave one :)

Code:

  • udp://tracker.openbittorrent.com:80/announce
  • udp://tracker.opentrackr.org:1337/announce